Giomecca, l’arte della pasticceria italiana, da Torino a Berlino

giomecca pasticceria berlino dolci pasticcini
© Giomecca - High quality pastry concept

 

Quante domeniche e compleanni coi miei sono passati puntando uno ad uno col ditino quei piccoli gioiellini di crema e zucchero che sarebbero poi finiti in macchina in un bel “cabarét di bignole”, o vassoio di bignè per i più forestieri, per poi essere divorati con grande eleganza e voracità. Mi emoziono sempre un po’ a vedere un altro angolino del mio Piemonte traslocare qua al “molto-più-nord”, ma ancora di più quando questi arriva glassato di zucchero e cioccolato gianduja. Ecco, questo è Giomecca.

Quanta maestosità sabauda… © Giomecca – High quality pastry concept

Ma quanti di noi tornano immediatamente bambini a vedere quei vassoi di paste tutte ordinate, dalle tortine alla frutta con la crema pasticcera, ai pasticcini con la diplomatica, le lingue di cioccolato e quei bignè mignon piccini picciò che esplodono di crema al pistacchio?

Sapete già che noi panzaroli impazziamo alla sola vista di una pasticceria italiana qua a Berlino. E da bravi esploratori della cucina italica quali siamo, in un freddo sabato d’inverno, non abbiamo resistito a prendere a calci la dieta per un giorno, facendo man bassa di quello che restava della giornata.

Quello dietro è un tortino al cioccolato con lamponi e caramello cristallizzato, già.

Non soddisfatto mi sono pure preso un tortino al limone in una bella confezione dorata, tanto caruccio, che, nonostante essere poi passati al café svedese e ad un bar con servizio sauna incluso, ad essere pure stato dimenticato nel primo café ed ai mille scossoni di qua e di là, il giorno dopo era ancora delizioso. Presto tornerò ad assaggiarlo quando ancora tutto bello intero 😉

C’è poco da aggiungere. Non c’è nulla da aggiungere. BUONO! Quel buono che ti spalmeresti in faccia. Quel buono che fa bene al cuore.

Baci di dama, ël me amur © Giomecca – High quality pastry concept

Ma Giomecca non è una pasticceria a caso dove la gente si diverte a pacioccare con la pastafrolla. Giorgio, il nome del nostro pasticciere, è un disinvolto maestro in erba capace di creare dalla cucina del suo negozio delle piccole opere dolciarie esattamente come quelle delle pasticcerie storiche a cui siamo abituati. Legato anche lui alla sua città, come dimostrano i gianduiotti, baci di dama e brut ma bun. E il sogno di assaggiare per la prima volta un cigno alla panna qua a Berlino si fa sempre più reale…

Che altro dire, questo video preso dalla pagina Facebook di Giomecca vi parlerà da solo:

 

E da questo momento in poi, non avrete più scusanti per osare presentarvi da me con la torta fragole e basilico della Bäckerei semi-hipster sotto casa o quella di ciliegie scongelata del Lidl. Per la domenica caffè e paste, tutti da Giomecca.

PS E c’è pure un angolo tavolini per gli ingordi più pigri. Peccato che quando ci siamo stati facevano dei lavori, altrimenti avremmo chiesto pure l’Anmeldung.

 

Dove si trova:


 Schönhauser Allee (U2)

Schönhauser Allee (S8/S9/S85/Ring)

 Schönhauser Allee/Bornholmer Straße (M1/M13/50)

Orario di apertura

Lun-Ven: 10:30 – 19:00

Sab: 11:00 – 17:00

Dom: Chiuso

Facebook: https://www.facebook.com/GiomeccaPastry/

Commenta su Facebook
Christian Raggio
La panza di Christian racconta... 22 Articoli
Sono un grande amante della cucina casalinga piemontese, cresciuto guardando mio padre creare i suoi incanti ai fornelli, tra risotto alla salsiccia e brasato al barolo. Poi, per caso e per amore, verso i 20 anni m'innamorai follemente della cucina sarda. In poche parole: carne carne carne! Goloso da morire, vado pazzo per la cioccolata e i dolci in tutte le loro forme, cosa dalla quale cerc(an)o di trattenermi il più possibile, invano. Amo Negroni e Amaretto, ma in segreto non so dire di no ad una Bananenweizen.

Lascia per primo un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*