Un non-vegetariano a Berlino entra da Superfoods & Organic Liquids

Superfood Organic Liquids Berlin Mitte Rosenthaler Platz

 

È finalmente giunto il momento. Il momento che tutti i non-vegani di questo pianeta temono. Quello che io temevo, e forse un po’ ne ero attratto, come quando ci si sente attratti dal vuoto sull’orlo di un burrone…

Sono entrato, ebbene sì, da

SUPERFOODS & ORGANIC LIQUIDS

Fatti forza, Christian!
Fatti forza, Christian!

“Organic Liquids”. “Liquidi Organici”. Quell’insegna al neon che ogni giorno ed ogni notte mi perseguitava quando tornavo a casa sulla Weinbergsweg, tra Rosenthaler Platz e Kastanienallee, facendo apparire nella mia contorta mente immagini disgustose di persone intente a godere del bere gli altrui fluidi corporei come rimedio omeopatico. E invece no, si riferisce agli smoothie. Gli smoothie! Si vede che chiamarlo “Superfoods & Smoothies” non era abbastanza alternativo per un bar nel pieno fulcro della Berlino Vegariana bene.

Ma le proprie paure bisogna affrontarle! Io, che amo il sapore della carne e non sopporto il sapore e a volte nemmeno l’odore o la vista di alcune verdure, sarei entrato da Superfood!

E così, di fatto, vi entrai.

Il posto è dall’aspetto molto moderno, freddo e minimale ma accogliente e molto più spazioso di quanto non sembri dall’esterno. Al bancone si possono vedere drink iperenergetici colorati e i prodotti facenti parte della loro offerta, oltre ad un banco frigo ricco di ogni drink vegan-bio si possa mai desiderare.

Superfoods Organic Liquids interno 2

Una premessa: non tanto per il mio essere non-vegetariano, ma più per una questione economica, mi sono soffermato a provare soltanto i Superfood. Mi dispiace, ma nessuna persona al mondo dovrebbe mai sentirsi costretta a pagare 4 euro e 50 per un sandwich pomodoro e avocado (… già) e 7,50 € per una scodella cacao, banana, avocado ed agave. No! Nemmeno a Rosenthaler Platz. A meno che loro non collaborino con un cartello della mafia colombiana che invece di importare ovuli di coca decide di importare quegli avocado dalle Ande nei propri orifizi per mantenerne intatta la fragranza, io dico NO!

Un’abbondante ciotola da colazione intera di semi di chia, latte di cocco, açaí e lampone per 4,50 € suona molto più accettabile. Il tutto accompagnato da un bicchiere grande di té matcha e menta da 3,50 €, non pochissimo ma per la zona dove si è ci si può chiudere un occhio.

Una lautissima Supercolazione
Una lautissima Supercolazione

Per chi non lo sapesse, questi suddetti “superfood” hanno delle proprietà più o meno comprovate che possono giovare moltissimo a chi li assuma o anche risultare eccessivi e dannosi in dosi elevate:

  • I semi di chia, l’antico “segreto della salute” di Aztechi e Maya, sono delle ottime fonti di sostanze nutritive quali calcio, magnesio e proteine, con un apporto calorico bassissimo e molte fibre. Ottimi per la dieta quindi! Alcune fonti parlano anche di alto contenuto di Omega3, ma il tipo contenuto nei semi di chia non sarebbe assimilabile facilmente dall’essere umano come quello trovato invece nel pesce;
  • L’açaí è una bacca che cresce sulle palme nel nord del Brasile, simile a dei piccoli acini d’uva o dei mirtilli, che in Europa è soprattutto commercializzata in polvere. Pare abbia un certo livello di proprietà anti-ossidanti e anti-infiammatorie e che favorisca la vasodilatazione e il recupero muscolare. La tradizione brasiliana vuole che questa bacca sia una grande fonte di energia e alcuni dicono che possa anche aiutare a sconfiggere il cancro, ma gli scienziati ancora non hanno potuto dimostrarlo con certezza. Lo svantaggio maggiore, può provocare in alcuni individui forti allergie;
  • Il té matcha, proveniente dall’estremo oriente ed utilizzato in Giappone nella preparazione di dolci e nella cerimonia del té, oltre che prima della meditazione, è simile al té verde ma preparato direttamente con le foglie del té polverizzate aggiunte direttamente all’acqua calda. A parte i vantaggi del té verde, il té matcha apporta tre volte tanto il quantitativo di caffeina di un té normale, il che significa che, con una tazza, si va come un treno! La maggior pecca, il sapore, amarissimo e allappante se non accompagnato da qualcosa di molto dolce o dolcificato.

Essendo la scodella di chia ed açaí stucchevolmente dolce, il matcha è stato involontariamente una scelta perfetta, amaro all’estremo.

Superfoods Organic Liquids interno

Il sapore? Beh… ok. Io amo i lamponi e mi piace l’açaí, ma le bariste puntano più sui benefici degli ingredienti che sul creare un prodotto che continueresti a mangiare all’infinito. Al contrario, mezza ciotola da latte e cereali piena di semi di chia basta per gonfiare la pancia come un palloncino e dare conati di vomito, con una intera i semini si sentono in gola anche una volta usciti per un’oretta buona. Il té matcha senza la ciotola di purea di frutta sarebbe stato imbevibile senza almeno un dolcificante (dello sciroppo d’agave per esempio sarebbe andato benissimo).

Certo, almeno ora comunque capisco perché il té matcha si usi prima della meditazione. Dopo un bicchiere intero la caffeina ti prende alla testa e se chiudi gli occhi vedi i suoni e senti i colori! E in più non macchia nemmeno i denti come il caffé, yuhuuuh!

Per miracolo riesco a finire il tutto e me ne vado. Le tizie sono gentilissime e mi sorridono, altre tizie sparse tra i tavoli bevono zuppe di colori che ricordano appunto degli Organic Liquids: vomito e bile. Io, senza parole.

 

In conclusione: oggettivamente, Superfoods & Organic Liquids si basa su quello che dice il nome, ovvero offrire degli alimenti considerati Superfood in modo più o meno armonioso, riuscendo in questo senso nell’intento abbastanza bene ma mancando di quel qualcosa in più che potrebbe attirare non solo i fan dell’insalata-avocado-e-quinoa-anche-a-colazione ma pure uno come me che la quinoa la preferisce accompagnata al maiale. Prezzi? Nonostante le porzioni siano abbondanti, per parte dell’offerta sono eccessivi. Peccato, un’occasione sprecata.

Ma si sa, in Germania, a Berlino, zona Mitte angolo Prenzlauer Berg, i clienti vegan per moda danarosi e senza papille gustative a loro non mancheranno mai.
Se siete dei fanatici del vegan e del bio, provatelo anche voi e fateci sapere, da esperti, cosa ne pensate!

Dove si trova:


Rosenthaler Platz (U8)

Rosenthaler Platz (M1 – M8)

Orario di apertura

Lun-Ven: 8:00-20:00

Sab: 9:00-20:00

Dom: 10:00-18:00

Sito internet: http://www.superfoodsberlin.com/

Facebook: https://www.facebook.com/SUPERFOODS-ORGANIC-LIQUIDS-1624787661095561/

Commenta su Facebook
Christian Raggio
La panza di Christian racconta... 22 Articoli
Sono un grande amante della cucina casalinga piemontese, cresciuto guardando mio padre creare i suoi incanti ai fornelli, tra risotto alla salsiccia e brasato al barolo. Poi, per caso e per amore, verso i 20 anni m'innamorai follemente della cucina sarda. In poche parole: carne carne carne! Goloso da morire, vado pazzo per la cioccolata e i dolci in tutte le loro forme, cosa dalla quale cerc(an)o di trattenermi il più possibile, invano. Amo Negroni e Amaretto, ma in segreto non so dire di no ad una Bananenweizen.

4 Trackbacks & Pingbacks

  1. Rawtastic, un vegan crudista a Berlino a prova di carnivori (?) - BdP
  2. Ataya caffé, bistrò sardo-africano a Prenzlauer Berg
  3. Zur Kneipe - La vecchia Berlino nel cuore di Ku’Damm - Berlino de Panza
  4. Benedict: l’arte del brunch che appaga occhi e panza - Berlino de Panza

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*