I baklava di Boğaziçi – Veri peccati di gola made in Berlino

Splendore di zuccheri

 

Sei a dieta? Odi i dolci? Hai dichiarato guerra al glutine? Allora è meglio che lasci subito questa pagina. Anzi, come diavolo sei arrivato su questa pagina??? SCAPPA!!!

Se invece sei uno di quelli che danzerebbero sotto una pioggia di pistacchio e miele, che amano godere del cibo così come della vita e che della prova costume non gliene frega proprio una cippalippa – tanto, parliamoci chiaro, la prova costume noi la faremo al Wannsee probabilmente quindi chissene, strabordiamo pure di ciccia a rotoli – allora BENVENUTO IN QUESTO ARTICOLO!

Di che si parla in questo articolo? Ma del dolce più comune di tutta Berlino, ovviamente… il Baklava! E di tutta la sua famiglia mielosa. Una delle mie ragioni di vita! Stavolta si va a… Boğaziçi! Che è anche il nome del ponte sul Bosforo, se mai foste curiosi di saperlo.

© Taxi Gourmet
© Taxi Gourmet

Ma andiamo con ordine.

 

Già avevo parlato del mio posto preferito per i baklava a Wedding, Seyidoğlu. Un bar pasticceria di turca stirpe… chiuso. Eh sì, proprio smantellato pezzo per pezzo davanti ai miei occhi piangenti. :’( Chissà che ne sarà di lui… Addio…

Senza perdermi d’animo, ricomincio la mia missione nel trovare un posto dove la mia passione e la mia ingordigia possano essere soddisfatti appieno. Con l’altra panzarola Laura, altra fan del gusto medio-orientale 😉 , ci lanciamo qualche settimana fa su Agam Baklava, anch’esso sulla Müllerstraße, che però, nonostante la gentilezza ed eleganza di una delle commesse, non mi convince appieno. Buono, per carità del cielo, ma i loro şöbiyet, i baklava a triangolo con la crema, manco si avvicinavano di striscio a quelli del prematuramente mancato Seyidoğlu. Quindi, passo.

Laura torna ieri in quel di Wedding – durante la sua personale caccia all’appartamento perduto – e, perché no… ci prendiamo un baklava? E prendiamocelo ‘sto baklava! Ma stavolta ci avventuriamo oltre i confini di Matrimonio per andare dai cugini di Moabit, anch’essa terra fertile per turchi, libanesi & friends.

Turmstraße è Viva!
Turmstraße è Viva! © Vilmoskörtes Blog

Quale scegliere però? Spersi, chiediamo all’unico vero onnisapiente al mondo: Google! Cerca che ti ricerca, ogni pagina ci riporta ad un solo risultato: Boğaziçi. Sulla Turmstraße, 47A. E chi siamo noi per contraddire il Signor Google? Nessuno! E quindi, panza in spalla, ci andiamo.

L’improvvisa ondata di calore ci obbliga a rinunciare ai tavolini fuori, assaliti dai locals peggio che un buffet gratis a un’apericena, e a sederci all’interno. Una rapida occhiata al menù e subito scegliamo: Kabak Tatlısı, pezzi di zucca dolce ricoperti di pistacchio; Kürefe, che dalla foto appare come un piatto di spaghettini dolci ricoperti di miele e pistacchio; e Şöbiyet, ovviamente. Dopo una rapida conversazione col cameriere mezza in tedesco, mezza in turco, mezza a gesti, scopriamo che la zucca non ci sta e quindi optiamo per i Dürümzade Cevizli, dei baklava di medie dimensioni alla noce.

I dolcetti prima...
I dolcetti prima…

Non dobbiamo aspettare molto prima che i dolcetti arrivino al nostro tavolo, mentre per il Kürefe dobbiamo aspettare qualche minuto visto che ci viene cotto al momento. Cominciamo quindi meticolosamente l’assaggio, che si svolge nelle seguenti fasi:

  1. Assaggio del Baklava alle noci – Buono, cotto al forno con il gheriglio della noce in cima e molto gustoso senza nauseare, buono.
  2. Assaggio del Şöbiyet – Versi orgasmici nel locale. BUONO! Dolce il giusto, cremoso, pistacchioso e semplicemente una delizia per il palato.
... i dolcetti dopo.
… i dolcetti dopo.

3. Assaggio del Kürefe, che si svolge anch’esso in diverse fasi:

    1. Taglio: Uh è caldo scotta!
    2. Forchettata: Uh ma c’è del formaggio fuso dentro!
    3. Imboccata: Wow è strepitoso!
    4. Terza imboccata, Laura: “Devo imparare la ricetta e farmelo a casa!”
    5. Finito. Faccina triste. 🙁
Splendore di zuccheri
Splendore di zuccheri

Che dire: BUONO! Google aveva ragione? È davvero questo il miglior baklava di tutta Berlino? Ma che ne so! Ma sicuramente sarò loro cliente vita natural durante, o almeno finché rimango a Berlino.

Per ragioni puramente scientifiche decido di prendere anche qualcosa di salato. Eh certo, perché ‘sto posto mica è una pasticceria, è un kebabbaro classico a tutti gli effetti e fa pure fast food e pollo. Così. Prendo quindi un Köfte ripieno, una specie di crocchettona gigante ripiena di bulgur, carne macinata, spezie e verdurine. Non male, ma decisamente non giustifica il viaggio a dorso di cammello e U-Bahn tanto quanto i baklava! BBBBBONI!

Mica dei dilettanti quelli di Boğaziçi: fanno pure eventi, matrimoni, consegne in quantità mastodontiche con pacchettini carucci carucci per cui mia mamma impazzirebbe con un OOOOOOooooohhhh ma che beeeelloooooo con un forte accento littizzettesco. Dicendo subito dopo che sta a dieta. E facendoli sparire entro la mattina seguente dove nessuno sa chissà. Deh, da qualcuno avrò pur preso, no?

Dove si trova:

 

 Turmstraße (U9)

sel_prod_bus M27, 123, 101

Orari di apertura

Lun-Dom: 7:00-2:30

Sito internet: http://www.bogaziciberlin.de/

Facebook: https://www.facebook.com/pages/Bogazici-Grill-Restaurant/164343476914328

Commenta su Facebook
Christian Raggio
La panza di Christian racconta... 22 Articoli
Sono un grande amante della cucina casalinga piemontese, cresciuto guardando mio padre creare i suoi incanti ai fornelli, tra risotto alla salsiccia e brasato al barolo. Poi, per caso e per amore, verso i 20 anni m'innamorai follemente della cucina sarda. In poche parole: carne carne carne! Goloso da morire, vado pazzo per la cioccolata e i dolci in tutte le loro forme, cosa dalla quale cerc(an)o di trattenermi il più possibile, invano. Amo Negroni e Amaretto, ma in segreto non so dire di no ad una Bananenweizen.

Lascia per primo un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*