Parma di Vini Benedetti – Una boutique di gastronomia a Wedding

 

Avete mai provato quella sensazione di trovare un gioiellino nascosto, un posto speciale, all’improvviso, proprio quando credevate di esservi perduti? Ecco, è esattamente questa la sensazione che mi ha dato scoprire Parma di Vini Benedetti, un piccolo ristorante e gastronomia la cui scritta in vetrina troneggia su una piazzetta un po’ appartata di Wedding (proprio accanto a casa mia, tra l’altro). E dal momento che il cibo è sì memoria, ma è anche piacere della scoperta, nessun luogo si merita di più di essere protagonista del primo articolo del nostro blog.

Scoperto per caso è dir poco: io e le mie coinquiline, di ritorno da un brunch e da compere d’impulso dal mercato delle pulci del sabato di Leopoldplatz (tra le quali una pucciosissima quanto inquietante mini foca pelosa, successivamente chiamata “Alessio”, per ragioni che saranno poi chiarite), eravamo di ritorno a casa, portando sopra la testa una panchina, lasciata per strada in cerca di nuovi padroni. Fermandoci a prendere fiato sotto una fontana in mezzo alla piazza, noto il nome Parma su una vetrina. La mia coinquilina mi dice: “Conosci quel posto? È italiano, pare carino”. Ovviamente non ho atteso che me lo ripetesse due volte prima di entrare.

La foca Alessio
La foca Alessio

Ci accoglie Alessio, simpatico cameriere/oste/one-man-show del ristorante, romano verace originario di Cinecittà, che comincia a raccontarci dei prodotti esposti nel loro bancone: salami e formaggi artigianali, vini caserecci e dolci fatti in casa. Tutto genuino, tutto ottimo. Ci viene subito l’idea: berci un bel bicchiere di rosso sulla panchina, in mezzo alla piazza, come dei veri Signori. Così posh che il posto a sedere ce l’eravamo portati noi da casa. Alessio ovviamente si mostra entusiasta di farci una foto e di inviarcela subito per Whatsapp (non deve sorprendere quindi che la foca abbia successivamente ricevuto il suo nome! Eheh).

La Bella Vita di Wedding
La Bella Vita di Wedding

Io dico sempre: ci sono due fattori fondamentali per capire se un ristorante italiano è DAVVERO buono. Uno è la panna cotta – se ce l’hanno in menù -, l’altro il vino rosso della casa. E quel rosso decisamente batte molti altri vini gustati e graditi a Berlino. Abbastanza da cercare di convincere la mia cara coinquilina a festeggiare gli anni lì. 😉

Un paio di settimane fa torniamo quindi a cena, il che – non lo sapevo ancora – per me sarebbe stata una vera ardua fatica terminare. Con successo! Il posto non è enorme, ma si sta comodi. In perfetto stile berlinese, tavoli e sedie paiono presi tutti dalla strada, ma pare più di stare in una bottega di campagna italica che in un bar radical-chic. Una cosa bisogna chiarirla, Parma di Vini Benedetti non è certo un posto in cui andare tutte le sere a mangiare, specialmente con gli stipendi medi berlinesi: i prezzi sono “all’italiana”, il che significa almeno il doppio di quanto ti aspetteresti normalmente. Ma vale la pena pagare il prezzo?

Se si ama la qualità, assolutamente sì! Il profumo e il colore degli affettati è spettacolare, i dolci freschi e buoni. Di certo però, se avete fame, evitate di prendere solo un tagliere di affettati o un’insalata, per quanto buoni: per noi italiani quelli sono considerati antipasti, a ben d’onde, e anche la festeggiata se n’è resa conto. Più felici coloro che han preso la parmigiana o la pizza, soddisfatti di gola e di panza. Per me, che ho preso un calzone al prosciutto – ordinato per l’entusiasmo con un trillo nella voce che pure il cameriere/oste ecc. si è sopreso – terminarlo è stata dura. Era TANTO! Ma buono! Sono uscito che sentivo l’ultimo boccone appostato dietro il gargarozzo, ma ne è valsa la pena.

Bello e bbbbbono!
Bello e bbbbbono!

Il momento migliore? Quando un ragazzo, credo emiliano, che forse era il cuoco (boh) esce dal retro e dice: “Tutto gratis, ragassi!” Euforia generale della tavolata, finché non torna il nostro oste ad esigere i soldi. 🙁 O forse a fare un mini spettacolo comico improvvisato, visto che la verve di certo non gli manca e il calzone dalle risate per poco non rifaceva capolino sulla tavola ormai vuota.

Consigliato? Sì. A chi? A chiunque! Anche se sono vegano glutenfrei analogico? Certo, l’acqua è buonissima, provala!

 

Dove si trova:

 

 Leopoldplatz (U6-U9) / Seestraße (U6)

 Osram-Höfe (M13-50)

Aperto Lun-Dom: 10:00-14:30 / 18:00-23:00

Sito internet: http://parma.vinibenedetti.com/

Facebook: https://www.facebook.com/parmavinibenedetti/

 

Commenta su Facebook
Christian Raggio
La panza di Christian racconta... 22 Articoli
Sono un grande amante della cucina casalinga piemontese, cresciuto guardando mio padre creare i suoi incanti ai fornelli, tra risotto alla salsiccia e brasato al barolo. Poi, per caso e per amore, verso i 20 anni m'innamorai follemente della cucina sarda. In poche parole: carne carne carne! Goloso da morire, vado pazzo per la cioccolata e i dolci in tutte le loro forme, cosa dalla quale cerc(an)o di trattenermi il più possibile, invano. Amo Negroni e Amaretto, ma in segreto non so dire di no ad una Bananenweizen.

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Ron Telesky e l'origine della pizza - Berlino de Panza

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*